E mani fra i capelli

e mani a spingere sul petto

per azzittire il cuore.

E mani al cielo

tese

ad implorar la quiete

dove il ventre si è squarciato

nell’abisso profondo

del desiderio più spinto dell’immagine di noi

che all’alba avremmo chiesto il giorno,

ma per sempre fummo ingoiati 

da un tramonto che ci regalò la notte

eterna.

E nel buio,

la sola luce 

quella dei tuoi occhi,

che avidi come in quei silenzi

bramosi e disperati,

ancora cercano dei miei.

1811341
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Questo Mese
Totale
1549
4280
10383
89064
1811341

1.17%
4.00%
0.16%
0.10%
0.02%
94.54%

52 guests
no members

Your IP:18.232.55.175