Bacia le mie labbra

come fossero petali di rosa fresca

schiusi all’aurora

bagnati di rugiada per poterti dissetare.

Poi baciami le mani

come fossero calle bianche

chiuse a contenere il pistillo dello stesso fiore,

fa che sia un gesto divino, d’amore.

Baciami gli occhi quando sono ancora chiusi

come d’inverno i ciclamini,

baciali senza sfiorarli

senza toccare,

così che al buio io non possa vedere

ma possa solo immaginare.

E i piedi baciami

come faresti con le dalie più rare,

fallo a lungo

e che ci sia desiderio,

perché da te furono proprio loro a volermi portare,

anche contro il mio volere

contro il sacro ragionare,

loro mi chiesero di andare.

Baciami ancora,

intensamente

fa che sia lieve,

ma che di te non mi liberi la mente.

Bacia il mio cuore,

non fargli male

sfioralo appena

fallo cantare.

Baciami l'anima

non la turbare,

e fa che rimanga in me

il solo desiderio incontrollato

di volerti ancora baciare.

1586236
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Questo Mese
Totale
7771
2839
23396
70540
1586236

1.19%
3.76%
0.17%
0.09%
0.02%
94.77%

76 guests
no members

Your IP:35.172.150.239