E mi giungesti come lancia a trapassarmi i pori...

13892354 1113310138712338 7407383610326387704 n

E mi giungesti come lancia a trapassarmi i pori,

con il tuo corpo a scudo

poi penetrasti il mio

tremante al fremito,

mi scosse!

Olfatti noti come più familiari abbracci

e ancora essenze

e scambi di trasmigranti odori.

Che d'irruenza tu mi possedesti,

e io venni

da te, con te,

giunsi per te a quel compromesso

per cui vendetti il cuore

l'anima mia vendetti,

eppur non muore.

Anche se muoio tra quei respiri d'alito

che è il tuo,

e già mi appartenne.

Brace nell'acqua mia

carne a brandelli,

carne e sudore

eppur non muore.

Dipinto di Lamberto Melina

http://www.lambertomelina.com/

© 2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By SaVaRiCa

Please publish modules in offcanvas position.