Era un incrocio di mani le tue, le mie...

Era un incrocio di mani

le tue, le mie,

e poi il mio seno sparso sul tuo petto.

Era uno scambio di odori

il mio più dolce ti concessi,

perché col tuo più acre

io mi confondessi.

Era una trasmigrazione di essenze

in simultaneo volo

per noi l’amarsi,

il nostro appartenersi.

Ci confondemmo,

insieme ci perdemmo.

In un’anima sola

in una sola carne ci fondemmo,

perché perdutamente

in un istante solo,

per secoli ci amammo.

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
2316334
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Questo Mese
Totale
1387
1797
16486
11296
2316334

Online (15 minutes ago):30
no members

Your IP:18.206.238.176

Sito ufficiale di Giovanna Politi, tutti i diritti sono riservati e i contenuti sono di proprietà dell'autrice.

E' pertanto vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita richiesta alla stessa.
(Siae, sez.Olaf)

© 2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By SaVaRiCa