Solo a lui era consentito entrare liberamente...

Solo a lui era consentito entrare liberamente,

gli detti le chiavi per quelle stanze segrete

dove buttavo via le maschere

e liberavo la mia mente.

Mi concessi a lui con ogni più intima

e strana confidenza,

conobbe e seppe amare come nessuno

la mia più vera essenza.

E non usò artifizi per non farmi andare,

non denudò solo il suo corpo

l’anima si liberò,

come se per sempre io

con lui avessi potuto restare.

Poi spogliò me con l’arte

di chi sa curare con l’amore

col balsamo e col miele lo nutrì,

riprese i battiti il mio cuore.

E se vi narro ciò

è per non dimenticare

perché ne ho urgenza,

e i miei pensieri in volo

non possono atterrare.

E come le cose più belle poi

come le più rare,

come quelle che cambiano il sentire

e accelerano i battiti del cuore,

visse un istante fugace

ma fu soltanto amore.

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
2329280
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Questo Mese
Totale
1366
2875
14333
24242
2329280

Online (15 minutes ago):19
no members

Your IP:3.226.97.214

Sito ufficiale di Giovanna Politi, tutti i diritti sono riservati e i contenuti sono di proprietà dell'autrice.

E' pertanto vietata la riproduzione, anche parziale, senza esplicita richiesta alla stessa.
(Siae, sez.Olaf)

© 2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By SaVaRiCa